I 5 principali effetti:


1. STIMOLA IL SONNO:

Uno dei più impostanti studi recenti su THC e sonno per esempio afferma che il più famoso principio della Cannabis, il THC, riduce significativamente il tempo necessario a prendere sonno, sia sulle persone malate, su quelle che fanno uso di antidolorifici, sia sulle persone che soffrono di insonnia. In un breve studio (study) pubblicato nel 1973, si dice che il THC ha ridotto in tutti e 9 i soggetti sofferenti di insonnia cronica il tempo necessario ad addormentarsi a meno di un ora in media.
I ricercatori hanno capito anche che maggiore è il principio attivo introdotto nel corpo, minore è il tempo in cui ci si addormenta. Un altro studio sull’argomento è stato effettuato nel (2013 study).

2. SONNO PIU LUNGO E RISPOSANTE:
Studi recenti hanno rivelato che sia il THC che il CBD prima di andare a letto incrementano le ore di sonno per notte. Come anche che maggiore è il Principio attivo assunto maggiore è il bisogno di sonno. A differenza dei farmaci a base di oppiacei non ha effetti collaterali e in campo medico sarebbe molto più indicato per indurre sonno nelle persone che soffrono, perfino nei casi più gravi.

3. SONNO PIU PROFONDO.
Uno degli effetti più interessanti della Cannabis sul sonno è l’impatto sul ciclo del sonno che afferma come il THC renda il sonno più lungo, tranquillo e profondo. Se l’uso è occasionale e non intenso il sonno è anche più riposante. Allora stesso tempo altri studi hanno rivelato che a lungo andare il troppo “sonno profondo” può avere effetti negativi sulla pressione nelle persone che hanno già problemi.

4. FASE REM RIDOTTA:
Uno degli effetti è proprio quello di ridurre la fase REM, molti di quelli che fanno uso della sostanza ci hanno riportato un “calo di sogni” quando fumano prima di andare a letto. I sogni infatti sono una conseguenza della Fase Rem. I sogni tornano normali, come normale torna la capacità di ricordarne i dettagli non appena si smette di fare uso massiccio di Cannabis. Gli studiosi hanno prove dell’effetto negativo causato da questa cosa, in quanto la fase rem ha effetti sulla mente.

5. MIGLIORAMENTO DELLA RESPIRAZIONE:
Durante l’uso medico la cannabis porta a incredibili benefici circa a 30% degli uomini e 20% delle donne che soffrono di apnee nel sonno o paralisi nel sonno .Le Apnee in particolare sono caratterizzate da questa interruzione della respirazione durante il sonno che se diventa una cosa cronica porta a seri problemi come diabete, problemi polmonari, circolatori o cardiovascolari.
Le apnee nel sonno nel caso in cui sono una cosa cronica sono molto pericolose, tant’è vero che chi ne soffre usa una bombola di ossigeno durante la notte. Mentre chi ha iniziato a fare uso di cannabis spesso ha smesso con questa pratica, se ci fossero i fondi per la ricerca potremmo forse scoprire come trovare una vera soluzione e deficit di questo genere.

fonte: high5magazine.it

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on RedditShare on TumblrEmail this to someoneCondividi!

Lascia un commento