A seguito di due riunioni della contea, i distretti scolastici delle contee di Orange e Volusia hanno preso la decisione esecutiva di autorizzare cannabis terapeutica nel campus.

Il consiglio scolastico della contea di Orange ha deciso che i giovani pazienti curati con marijuana medica saranno autorizzati a ricevere il farmaco da un “badante” – non affiliato con la scuola in alcun modo – purché abbiano la documentazione adeguata da un medico.

Nella contea di Volusia, la decisione è stata più sentita, a causa della malattia rara di uno studente che richiede la marijuana medica sul posto.

A Zoe Adams, che soffre di sindrome di Sanfilippo – una malattia rara simile all’Alzheimer – viene prescritto olio di canapa CBD per la sua malattia. Zoe soffre di convulsioni improvvise durante il giorno a causa del suo disturbo.

Sotto la nuova politica – dal titolo compassionevole “la politica di Zoe”, la cannabis medica può ora essere somministrata nel campus da un genitore o da un badante. Il tutto dovrà essere effettuato in privato, in quanto né lo staff né gli studenti sono autorizzati ad essere presenti.

I genitori di Zoe hanno espresso la loro gratitudine seguendo la tanto attesa decisione. Il padre di Zoe, J.J. Adams, dice che la decisione non ha solo effetti diretti su sua figlia, ma su tutte le persone coinvolte nel processo.

“Migliora la qualità della vita, è ciò di cui hanno bisogno questi bambini, inoltre aiuta i genitori, gli insegnanti, è tutto benefico”, ha detto Adams.

La presidente del consiglio scolastico della contea di Volusia, Linda Cuthbert, spera che il caso di Zoe abbia effettivamente un effetto “a cascata”. Nonostante il persistere della cannabis sulla scheda 1 nella classificazione degli stupefacenti, la Cuthbert crede che casi come questo apriranno gli occhi ai funzionari federali.

“Vivrà sempre per sempre a causa della politica di Zoe”, ha detto Cuthbert nella sede locale della contea di Volusia. “Sappiamo che stiamo facendo la cosa giusta. Speriamo che il governo federale capirà cosa stiamo cercando di fare “.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on RedditShare on TumblrEmail this to someoneCondividi!