Dalle vostre recensioni e dalle nostre esperienze personali abbiamo stilato questa classifica, in continuo aggiornamento, in base alle caratteristiche, al tipo di musica, all’ambiente ed alla clientela, dei principali club nella città di Amsterdam.

5. Pacific Parc

Pacific-Parc

Al quinto posto, con il suo punk aggressivo, i personaggi multicolori, i capelli disordinati, non troverete di meglio in città, il Pacific Park è il fiore all’occhiello della zona ovest di Amsterdam. Se siete alla ricerca di qualche variazione dalla scena techno olandese , allora non cercate oltre, perchè l’avete trovato. Le sue caratteristiche, un design semplice ed un ampio spazio lo rendono il luogo ideale per scatenarsi in un ambito liberale live acts, reggae e rock n roll. In alternativa, potete rilassarvi e sorseggiare un caffè o un pasto a prezzi modici, sulla capiente  terrazza all’aperto .

Indirizzo: Polonceaukade 23

Sulla mappa lo trovate QUI

Per visitare il sito cliccate qui: Website

4. Club Up

club up

Segreto, occulto, al quarto posto il Club Up, si trova nei pressi di Leidsplein. Club Up è una fuga da occhi turistici indiscreti ed ospita una clientela diversificata. Suona un eclettico mix di hip – hop , house, techno e deep melodici con un grande soppalco che costudisce in segreto tutto l’interno sontuoso. Questo club ha un’atmosfera esoterica e misteriosa che attira un mix di persone molto diverse tra loro. Sotto la scintillante palla da discoteca vengono spesso proiettati dei film. Prendete un cocktail e godetevi l’ultimo talento musicale incorniciati in un clima di relax e di mentalità molto aperta.

Indirizzo: Korte Leidsedwarsstraat 26-1

Sulla mappa lo trovi QUI

Per visitare il sito cliccare qui Website

3. Air

air amsterdam

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Terzo gradino del podio per l’Air. Uno dei nostri club preferiti, Club Air è il nuovo punto caldo in città . Questo nuovissimo Club può contenere più di 1.300 persone, ma mantiene un’atmosfera intima grazie alle sue numerose stanze e gli spazi nascosti. Una delle caratteristiche uniche di Club Air è la sua illuminazione a LED ed un chiaro Void Acoustics un sistema audio al top, già impressionante alla sola vista. I visitatori di Club AIR usano la AIR card, una chip card che può essere ricaricata per l’acquisto di bevande o affittare un armadietto. Precursore dei tempi certo, ma lo svantaggio evidente di questo sistema è che non è possibile ottenere la rimanenza di credito non utilizzato. Quindi bevi, sù! ! 

Indirizzo: Amstelstraat 16 ( vicino alla piazza Rembrandtplein ) 

Sulla mappa lo trovi QUI

Per viditare il sito web clicca qui Website

2. Studio 80

nl-studio-80

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Medaglia d’argento per lo Studio 80, un famoso locale notturno, è il vicino di casa del più famoso Escape a Rembrandtplein. Si tratta di un gay club techno alternativo che offre un ottimo trampolino per nuovi musicisti e djs sperimentali, oltre ad essere un ottimo palcoscenico per il panorama musicale elettronico, frequentato da artisti già affermati. La musica è per lo più techno-minimale. Nel 2008 , questo club è stato premiato ” Best Club of the Year “, e con la sua atmosfera arty , mentalità aperta e ospiti alla moda è uno dei club più “in” della città.

Indirizzo: Rembrandtplein 17

Sulla mappa potete trovarlo QUI

Per il sito clicca qui Website

1. Trouw

Trouw amsterdam

Al primo posto c’è il Trouw. Il primo club in città ad ottenere il permesso di 24 ore , molti dei più grandi DJs locali e internazionali hanno ceduto al suo carisma crudo con la migliore musica techno e minimal . Il muri di cemento spartano e lo stile industriale dell’ interno lo rendono unico, lo caratterizzano a nostro parere come il miglior club di Amsterdam. Il suo interno ricorda l’antico utilizzo come tipografia, ma oggi lo spazio presenta varie utilizzazioni come luogo per eventi, musica, arte, e cibo.

Indirizzo: Wibautstraat 127

Sulla mappa lo trovate QUI

Per vedere il sito web clicca qui Website

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on RedditShare on TumblrEmail this to someoneCondividi!

Lascia un commento