Hai più di 18 anni?

By entering this site you agree to our Privacy Policy

I prodotti sono posti in vendita nel rispetto della L. 242/2016. La coltivazione di piante di cannabis derivante da semi non certificati costituisce reato previsto dall’art. 73 DPR 309/90. Prima di proseguire, vogliamo mettere in chiaro alcune cose: in Mamma vado ad Amsterdam non trovi prodotti medicinali, da combustione o alimentari. Nonostante ciò abbiamo preferito non vendere i nostri prodotti ai minorenni. Proseguendo nella navigazione del sito dichiari si essere d’accordo con la natura del contenuto del nostro sito internet e di avere più di 18 anni. Vietata la vendita ai minori di 18 anni. Entrando in questo sito dichiari di essere maggiorenne.

Abbiamo rinnovato il nostro shop, naviga tra tutti i nuovi prodotti!

Blog single

La cannabis può ridurre l’infiammazione polmonare causata da COVID-19: Gli scienziati spiegano come

Su Forbes becco quest’articolo. Durante i giorni nei quali i casi COVID-19 continuavano a crescere, i ricercatori hanno iniziato a cercare soluzioni in un ambito poco frequentato dalla medicina: la Cannabis. I composti attivi nella Cannabis hanno una serie di proprietà che la rendono attraente come possibile trattamento complementare per le infezioni da coronavirus I ricercatori dell’Università del Nebraska e del Texas Biomedical Research Institute hanno dettagliato le prove di come gli effetti antinfiammatori della cannabis possano essere utili in un articolo pubblicato su Cervello, comportamento e immunità. Nell’articolo, spiegano, “Rapporti recenti hanno suggerito che l’infezione acuta è associata a una superstorm delle citochine, contribuendo a sintomi di febbre, tosse, dolore muscolare”. Questi casi estremi di infiammazione possono portare a una polmonite grave che ostruisce i polmoni, rendendo la respirazione difficile o impossibile. Pertanto, una delle strategie importanti che gli scienziati stanno studiando nella lotta contro COVID-19 è quella di ridurre l’infiammazione. È qui che entra in gioco la cannabis. Vari cannabinoidi nella pianta hanno proprietà antinfiammatorie. In particolare, indicano il CBD come il candidato più probabile per il trattamento dell’infiammazione correlata al COVID-19. Il CBD ha dimostrato grandi proprietà antinfiammatorie in studi precedenti, non crea effetti psicotropi associati al THC ed è già stato approvato dalla FDA come sicuro per i bambini con epilessia intrattabile. Se riesce a ridurre l’infiammazione per i pazienti COVID-19, potrebbe essere un’alternativa più sicura ad altre opzioni antinfiammatorie.
Perché i ricercatori credono che il CBD possa aiutare con COVID-19, in particolare?
Da un lato, gli autori spiegano che ricerche precedenti hanno dimostrato che il CBD può ridurre un numero di citochine pro-infiammatorie, tra cui IL-6, che è ridotto con altri farmaci che sono stati studiati per COVID-19. È stato anche dimostrato che il CBD riduce l’interleuchina (IL) -2, IL-1α e β, l’interferone gamma, la proteina inducibile-10, la proteina chemiotattica monocita-1, la proteina infiammatoria dei macrofagi-1α e fattore di necrosi tumorale α – tutti associati alla patologia dei casi gravi di COVID-19. Oltre a ridurre queste citochine pro-infiammatorie, il CBD ha anche dimostrato di aumentare la produzione di interferoni, un tipo di proteina di segnalazione che attiva le cellule immunitarie e impedisce ai virus di replicarsi. Gli autori notano anche che il CBD non è l’unico cannabinoide che mostra risultati promettenti come farmaco antinfiammatorio. Il THC ha anche mostrato potenti risultati anti-infiammatori, ma è meno tollerato del CBD, con sintomi comuni come disorientamento, ansia e aumento della frequenza cardiaca. La ricerca sul CBD, d’altra parte, mostra che è sicuro e ben tollerato a dosi fino a 1500 mg al giorno, per un periodo fino a due settimane. Gli autori spiegano che ciò “suggerisce la sua fattibilità per ridurre l’infiammazione / malattia polmonare e la gravità della malattia indotte da SARS-CoV2”. Mentre gli effetti collaterali negativi sono minimi con il CBD, gli autori dell’articolo sottolineano. UN NUOVO MONDO E’ ALLE PORTE, SARA’ BELLISSIMO FARNE PARTE da Forbes
Back to top
Benvenuto su MVAVM

Una nuova esperienza tutta da vivere

Abbiamo rinnovato tutto il nostro shop, naviga tra le nuove categorie ed i nuovi prodotti!
Seguici sui social