Hai più di 18 anni?

By entering this site you agree to our Privacy Policy

I prodotti sono posti in vendita nel rispetto della L. 242/2016. La coltivazione di piante di cannabis derivante da semi non certificati costituisce reato previsto dall’art. 73 DPR 309/90. Prima di proseguire, vogliamo mettere in chiaro alcune cose: in Mamma vado ad Amsterdam non trovi prodotti medicinali, da combustione o alimentari. Nonostante ciò abbiamo preferito non vendere i nostri prodotti ai minorenni. Proseguendo nella navigazione del sito dichiari si essere d’accordo con la natura del contenuto del nostro sito internet e di avere più di 18 anni. Vietata la vendita ai minori di 18 anni. Entrando in questo sito dichiari di essere maggiorenne.

Abbiamo rinnovato il nostro shop, naviga tra tutti i nuovi prodotti!

Blog single

New York, la Grande Mela sta per essere accesa

Come quando mio fratello mi telefonò e mi disse “Mi sposo” “Ah, e quando”? “Tra 28 giorni” “Tu sei pazzo. E dove”? “Qui a New York” … “Din don, sono qui fratellooo dove metto i bagagli”??

Che dire, ci saranno coffeeshop a New York chi l’avrebbe mai detto. Quando Claudio mi invitò al suo matrimonio, io partii per 10 giorni e tornai dopo 3 mesi. Ho assorbito l’urto di una città magica, assurda, stronza, giornate lunghe e molto intense. Vivere a New York è un binomio ripetitivo costante tra litigio e pace, tra te e lei. Un giorno sei il capo del mondo, il giorno dopo l’ultimo sfigato del pianeta. Non capisci bene cosa vuole da te, o cosa vuoi tu da lei, se ne sta lì sorniona facendoti capitare cose normalmente fuori dalla norma. Per esempio, una domenica mattina, east harlem, ero in giro a bighellonare fotografando scoiattoli tra gli edifici, quando un ombra nera gigante mi passa davanti agli occhi andando a sbattere contro l’angolo di una casa. Mi giro ed era una cazzo di aquila reale enorme, rannicchiata in quell’angolo, con la schiena rivolta verso di me e le ali conserte che barcollava in maniera buffa. Piano piano ruota su sè stessa e si gira. Non si aspettava forse di trovarmi lì davanti. Mi guarda, apre due ali immense scoprendo lo scoiattolo schiattato tra i suoi artigli . Ricordo ancora molto bene l’espressione dello scoiattolo. Con due potenti battiti di ali è decollata, finendo sulla cima dell’albero di fronte. Ricordo anche di aver litigato con il padrone di casa quando vivevo nel Queens, 3 giorni dopo fui costretto a lasciare la stanza. Da mio fratello non volevo tornare. Fortunatamente avevo un ex “collega” universitario Luigi, con il quale condivisi memorabili serate, che lavorava come ricercatore nel campus dell Università di Philadelphia. Il nostro alloggio era di fronte alla sede della confraternità Omega Psi Phi.

Ma questa è un altra storia.

A presto

Carlo

Back to top
Benvenuto su MVAVM

Una nuova esperienza tutta da vivere

Abbiamo rinnovato tutto il nostro shop, naviga tra le nuove categorie ed i nuovi prodotti!
Seguici sui social