Hai più di 18 anni?

By entering this site you agree to our Privacy Policy

I prodotti sono posti in vendita nel rispetto della L. 242/2016. La coltivazione di piante di cannabis derivante da semi non certificati costituisce reato previsto dall’art. 73 DPR 309/90. Prima di proseguire, vogliamo mettere in chiaro alcune cose: in Mamma vado ad Amsterdam non trovi prodotti medicinali, da combustione o alimentari. Nonostante ciò abbiamo preferito non vendere i nostri prodotti ai minorenni. Proseguendo nella navigazione del sito dichiari si essere d’accordo con la natura del contenuto del nostro sito internet e di avere più di 18 anni. Vietata la vendita ai minori di 18 anni. Entrando in questo sito dichiari di essere maggiorenne.

Abbiamo rinnovato il nostro shop, naviga tra tutti i nuovi prodotti!

Amsterdam ha vietato l’accesso ai coffeeshop per i turisti? Ecco cosa sappiamo

Ci ha recentemente contattato un nostro cliente, con una domanda che ha non poco attirato la nostra attenzione: “Salve ragazzi, andrò ad Amsterdam con degli amici ma leggo tanti articoli su restrizioni riguardo i turisti nei coffee shop e nel red light district – e continua – volevo sapere cosa c’è di vero”. Giustissimo, nostro caro cliente. Siamo qui per fare chiarezza.

Leggi anche: “Addio Red Light District, Amsterdam vuole trasferire il quartiere a luci rosse lontano dal centro”

Basta con i turisti che vengono solo per comprare della marijuana” – annuncia la sindaca di Amsterdam Femke Haselma – “Non vogliamo diventare come Venezia, soffocati da turisti mordi e fuggi, che vogliono solo comprare erba”.

Amsterdam, conosciuta dal mondo intero come l’isola del peccato, sta per cambiare rotta? Femke Haselm è certa di riuscire a far approvare una legge entro il 2022, che vieti ai turisti di frequentare i coffeeshop olandesi. L’accesso sarà consentito ai soli residenti.

Non poteva mancare la reazione dei negozianti allarmati dalla notizia, che hanno sentito tremare il suolo sotto di loro. Già negli ultimi anni il numero di coffeeshop è drasticamente diminuito, ma oggigiorno la paura traspare sul volto delle persone. Ma bisogna essere onesti. L’overtourism ha letteralmente sommerso le strade.

Milioni di persone che organizzano vere e proprie spedizioni. “Non giovano al turismo” – afferma la sindaca – “Non mettono neanche la benzina”. Arrivano, vagabondano per il Red Light District, comprano della cannabis e si volatilizzano. Sovraffollamento si, ma nelle casse degli alberghi non entra neanche un’euro. Motivo per cui, nel 2019, il quartiere dove poter ammirare le donne in vetrina è stato chiuso al turismo organizzato.

Fiumane di persone che si limitavano esclusivamente ad osservare, senza entrare, allontanando i veri clienti. Nonostante il grido d’aiuto dei proprietari dei negozi: “Solo pochi locali riusciranno a sopravvivere“, Femke Haselm sembra decisa nel suo intento. Ma ora, qual è la situazione?

Dopo aver contatto diverse associazioni e coffeeshop del posto. La risposta è si. I turisti possono ancora entrare nei coffee shop di Amsterdam. “It was only something they were considering, but nothing has changed” – ci hanno gentilmente assicurato – “Era solo qualcosa che stanno considerando, ma nulla è cambiato“, per ora, aggiungerei io. Ma ovviamente, vi terremo aggiornati.

Cosa stai aspettando, fai le valigie e vola oltre le nuvole, fremendo di atterrare nella capitale olandese, e dare vita a quello che, fino ad un attimo prima, era solo uno splendido sogno.

Buon viaggio ragazzi.

Autore: Raffaele Migliucci

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top
Benvenuto su MVAVM

Una nuova esperienza tutta da vivere

Abbiamo rinnovato tutto il nostro shop, naviga tra le nuove categorie ed i nuovi prodotti!
Seguici sui social